LA STORIA

Il mio Palazzo di villeggiatura posto nella parrocchia di San Francesco d’Albaro sia convertito in Casa di Beneficienza ove siano alloggiati, nutriti, istruiti e anche impiegati a lavoro poveri, ciechi, orfani e persone vecchie impotenti dell’uno e dell’altro sesso

Genova, 5 gennaio 1848. Dal testamento del Marchese Francesco Causa fu Alberto, fondatore dell’Opera Pia.

La storia dell’Ente, che dal 24 marzo 2000 ha assunto la denominazione ufficiale di Fondazione Opera Pia Causa e Asili Infantili San Francesco d’Albaro e della Foce, è scandita da altre due importanti date.
La costituzione nel 1879 della Società per l’Asilo dell’Infanzia dell’Asilo della Foce in Genova, e la fondazione dell’Asilo Infantile San Francesco d’Albaro nel 1885.
Queste opere filantropiche testimoniano la sensibilità di alcune famiglie della nuova classe dirigente verso le persone meno abbienti nella Genova del XIX secolo. Una sensibilità capace di trasformarsi in un “progetto di solidarietà umana che andava al di là della nobiltà di un gesto isolato, come quello che vide protagonista lo stesso Marchese Causa all’uscita dal Teatro Carlo Felice in una fredda notte d’inverno. Capì allora che non bastava ospitare il suo parroco e il pover uomo coperto di stracci nella sua dimora. Occorreva creare l’Opera e finire nel sottoscala della sua Villa, adibita a ricovero per i bisognosi, il suo cammino terreno.

STATUTO

Scarica lo statuto in formato .PDF